mercoledì 15 gennaio 2014

Intervista a Catherine Fisher

"I'm delighted to have found a blog called The Obsidian Mirror!" (Catherine Fisher)

È arrivato il grande giorno. Come avevo preannunciato qui sul blog solo qualche giorno fa, è venuta a sedersi nel salotto di Obsidian Mirror una delle più importanti scrittrici fantasy contemporanee: Catherine Fisher, autrice di numerosi best sellers quali “Incarceron”, dal quale a breve verrà realizzato un film con protagonista Taylor Lautner (il lupo mannaro di Twilight), e soprattutto “The Obsidian Mirror”, romanzo casualmente omonimo di questo blog che, come potrete immaginare, non poteva mancare di attirare la mia attenzione. 
Catherine, come senz’altro noterete leggendo l’intervista riportata qui di seguito, si è dimostrata una persona brillante e intelligente, e sono davvero felice che abbia accettato così di buon grado il mio invito. Ci racconterà qualcosa di lei, della sua passione per l’Italia e del suo modo di scrivere, ci dirà della genesi di “The Obsidian Mirror” e ci regalerà alcune anticipazioni del sequel appena uscito in Gran Bretagna. 
Vi lascio quindi senza altro indugio all’intervista, che potrete leggere qui di seguito nella sua lingua originale. Per chi avesse qualche incertezza con l’inglese, in basso c'è anche la traduzione in italiano.

-----   ENGLISH VERSION   -----

T.O.M.: Hi Catherine and nice to meet you here on "The Obsidian Mirror" blog. I guess you didn't know that there was a small Italian blog having the same name of one of your most successful books.

C.F.: Thanks. I had no idea, but what a great coincidence.

T.O.M.: As you can imagine, today we're going to talk about "The Obsidian Mirror", but before doing so, if you don't mind I'd like to let my readers know a bit more about you. Unfortunately, Italian readers have had few opportunities to come through your works, as the only book of yours that has been translated into Italian so far is "Incarceron", which has been released only in October 2012, about 5 years after the UK edition. So, in few words, who is Catherine Fisher, the lady who has been able to intrigue and fascinate thousands of people worldwide?

C.F.: I wish there were more books in Italian. I was in Florence last year and it was fantastic to see Incarceron in a bookshop there. I live in Wales, UK, and have liked writing poems and stories since I was about 11. I have done various jobs- I worked as an archaeologist and as a teacher, but now I spend my time writing and drawing. I have a great love for Italy and have been there many times. I also love opera!!

T.O.M.: As I said "Incarceron" is the only book of yours landed in Italy and that's probably because of the movie that is going to be shot based on it. What are your feelings about this? Do you agree that "Incarceron" is the best possible starting point for a reader who is willing to enter your magic world?

C.F.: Yes, Incarceron is a good place to start, though some of my other books are quite different. Sapphique would be next and then maybe my current series, The Obsidian Mirror.

T.O.M.: Now a question that I believe is quite mandatory, to please those who have already read and appreciated "Incarceron": are you aware of any plans to translate into Italian its sequel, "Sapphique"?

C.F.: Yes! Fazi Editore, who did a wonderful design for the Italian Incarceron, have also bought the rights to Sapphique, and another recent book, Crown of Acorns, which is a separate story. I don't know when they will appear, but I hope it will be soon.

T.O.M.: Now it's the "Obsidian Mirror" time...! I named my blog after the incredible story of John Dee, the Elizabethan Magus, who was a sort of astrologer, alchemist, mathematician, magician, cheater (or whatever) and a member of  the (in)famous "Golden Dawn" secret society during the XVI century. John Dee, as you know, claimed to be able to talk with Angels (Demons? Fairies?) through a sinister object, a black mirror. It is said that John Dee inspired both Marlowe's Faust and Shakespeare's Prospero. It's very easy to think that he also inspired Catherine Fisher's Oberon Venn character. Is this correct?

C.F.: In a way. I wanted a device for my characters to travel through time, and decided on a mirror. Then I thought it should be black glass, and the word Obsidian popped into my mind. I know I have read about John Dee in the past, and so his mirror must have been there in my subconscious, but I only remembered about him halfway through the book. Strangely, I had already called the creator of the mirror Mortimer Dee, so Dr Dee was haunting me a bit! 

T.O.M.: By the way, it seems to me that the choice to name one of your characters Oberon (who reminds me of the King of the Fairies in Shakespeare's Midsummer Night's Dream) was made on purpose. Am I wrong? 

C.F.: You are right. Oberon Venn's name was the very first thing I had in mind with this book.

T.O.M.: In contrast with Dee's obsidian mirror, in your book there are no angels talking from the other side of the mirror. You describe what is actually a portal, created centuries earlier, with the ability to transport people across space and time. Time travel is a common topic in Sci-Fi books, but your book also includes magical elements such as Fairies. How would you label your book then? Fantasy? Sci-Fi? Supernatural?

C.F.: I wanted to mix fantasy and sci-fi, so I think it is both. After all, they are both just different types of fantasy. It's interesting to mix genres and see what happens. I did something similar in Incarceron, but it's even more mixed here. 

T.O.M.: "The Obsidian Mirror" is set in England in the Wintercombe Abbey estate, a dark and gothic place which seems to hide a lot of secrets. Does the Wintercombe Abbey really exist? I mean, did you take inspiration from any specific place you know?

C.F.: Not really. Just all the old dark houses there are here. I went to school in a very old (17th century) house which has many dark creepy corners, so I think of that place quite often. But as far as I know, there is no real Wintercombe Abbey

T.O.M.: "The Obsidian Mirror" is just the first chapter of the "Chronoptika" tetralogy and the second book is almost ready. Would you like to spend some words about this sequel? 

C.F.: The sequel is now out in the UK; it's called THE BOX OF RED BROCADE. It will appear in the US in March as THE SLANTED WORLDS.  I can't give too much away, but I will tell you that part of the book is set in Italy!! Jake gets lost in time , Sarah finds a talking bird, and Summer becomes even more dangerous....

T.O.M.: I've always wondered how a saga like yours takes form. While writing "Chronoptika", do you seek day-by-day inspiration or do you already have a clear idea of the whole story?

C.F.: I have a vague idea of the whole story but the details of each scene arrive in the writing. I often have to change things or go back and make adjustments. But I have still not quite decided what will happen at the end of Book 4, or whether Venn will bring his wife back from death. Maybe I will only find out when I get there.

T.O.M.: Well, I know you are a very busy woman, so no more questions from me. Thank you so much for your time. I look forward to reading your next book!

C.F.: Thank you very much for your questions. And keep up with my website catherine-fisher.com for news on the film and the books.
Best wishes
Catherine
-----   VERSIONE ITALIANA   -----


T.O.M.: Ciao Catherine. Benvenuta! È davvero un piacere averti di persona qui sul blog “The Obsidian Mirror”. Scommetto che non avevi la più pallida idea che un piccolo blog italiano potesse avere lo stesso nome di uno dei tuoi libri di maggior successo.

C.F.: Grazie. Infatti non ne avevo idea, ma che bella coincidenza!

T.O.M.: Come potrai sicuramente immaginare, stiamo per affrontare l’argomento “The Obsidian Mirror”, ma prima di farlo, se non ti spiace vorrei che ti presentassi un attimo ai miei followers. Sfortunatamente i lettori italiani hanno avuto pochissime possibilità di conoscere i tuoi romanzi, visto che l’unico che è stato  finora tradotto in italiano è “Incarceron”, la cui uscita da noi è avvenuta nell’ottobre del 2012, circa cinque anni dopo la prima edizione inglese. Perciò, in breve, chi è Catherine Fisher, la donna che è stata in grado di appassionare e affascinare migliaia di persone in tutto il mondo?

C.F.: Mi piacerebbe che fossero ben di più di uno i miei romanzi tradotti in italiano. Ero a Firenze l’anno scorso e fu fantastico vedere “Incarceron” esposto in una libreria laggiù. Di me posso dirti che vivo in Galles, nel Regno Unito, e che ho sempre amato scrivere poesie e racconti, sin da quando avevo solo 11 anni. Nella vita ho svolto varie professioni, ho lavorato come archeologa e come insegnante, ma oggi trascorro la maggior parte del mio tempo scrivendo e disegnando. Ho una grande passione per l’Italia, che ho visitato diverse volte. Ah, e adoro anche l’opera!!

T.O.M.: Dicevamo che “Incarceron” è il tuo solo libro arrivato in Italia e ciò probabilmente è dovuto al fatto che presto uscirà un film basato su di esso. Cosa ne pensi di questa scelta da parte dell’editore italiano? Voglio dire, ritieni che “Incarceron” sia un buon punto di partenza per un lettore che desideri avvicinarsi al magico mondo di Catherine Fisher?

C.F.: Senz’altro, Incarceron è un ottimo punto di partenza (anche se alcuni altri miei libri sono piuttosto diversi). Il libro successivo dovrebbe naturalmente essere “Sapphique”, dopodiché potrebbe essere la volta della mia attuale serie, cioè “The Obsidian Mirror”.

T.O.M.: A questo punto una domanda che credo sia quasi d’obbligo, per accontentare tutti coloro che hanno già letto ed apprezzato “Incarceron”: sei per caso a conoscenza di qualche progetto di traduzione di “Sapphique” che, lo ricordiamo, di “Incarceron” è il sequel?

C.F.: Sì! La Fazi Editore, che ha fatto un ottimo lavoro con la versione italiana di Incarceron”, ha comprato i diritti anche di “Sapphique” e di un altro mio recente lavoro dal titolo “Crown of Acors”, che però è una storia a parte. Non so quando decideranno di pubblicarli, ma spero presto.

T.O.M.: E adesso è giunto il momento di “Obsidian Mirror”! Il mio blog prende il nome dall’incredibile storia di John Dee, il famoso mago elisabettiano, che fu una sorta di astrologo, alchimista, matematico, veggente, ciarlatano (e Dio solo sa cos’altro) e membro della “Golden Dawn”, la sinistramente famosa società segreta del XVI secolo. John Dee, come probabilmente saprai, sosteneva di essere in grado di parlare con quelli che lui definiva “Angeli” (Demoni? Fate?) attraverso un oggetto bizzarro: uno specchio nero. Si dice che John Dee ispirò sia il Faust di Marlowe che il Prospero di Shakespeare. Mi sbaglio se ritengo che possa aver ispirato anche Oberon Venn, il personaggio che Catherine Fisher ha scelto per il suo “Obsidian Mirror”?

C.F.: In un certo senso ci hai azzeccato. Durante la stesura del romanzo cercavo un meccanismo che permettesse ai miei personaggi di viaggiare nel tempo e alla fine optai per uno specchio. Poi pensai che questo specchio dovesse essere per forza nero, e fu a quel punto che la parola “ossidiana” mi affiorò alla mente. Ricordo di aver letto di John Dee in passato e penso che il suo specchio sia rimasto nascosto da qualche parte del mio subconscio, ma di questo mi sono ricordata solo quando ero già a metà del libro. Ma la cosa più strana sai qual è? È che a quel punto avevo già deciso il nome del personaggio che, nel romanzo, sarebbe stato il creatore dello specchio: Mortimer Dee! In altre parole il Dr. Dee mi stava ossessionando!

T.O.M.: A proposito di nomi, ho l’impressione che la scelta del nome del personaggio Oberon  (che tanto mi ricorda il re delle fate del “Sogno di una notte di mezza estate” di Shakesperare) sia invece stata fatta di proposito. Mi sbaglio?

C.F.: Hai ragione! Il nome Oberon Venn è stata in assoluto la prima cosa che avevo deciso per questo libro.

T.O.M.: A differenza della vicenda di John Dee, nel tuo libro non ci sono angeli parlanti dall’altra parte dello specchio. Quello che tu descrivi è in realtà un portale, creato secoli prima, che permette il trasporto delle persone attraverso il tempo e lo spazio. Il viaggio nel tempo è un elemento classico della letteratura fantascientifica, ma qui tu aggiungi anche elementi magici come per esempio le fate. Come definiresti quindi il tuo libro? Fantasy? Fantascienza? Sovrannaturale?

C.F.: Volevo mescolare fantasy e fantascienza, perciò direi “entrambi”. Dopotutto sono solo diversi modi di mostrare realtà immaginarie. È interessante mescolare i generi e vedere quello che salta fuori. Ho fatto qualcosa di simile con "Incarceron", ma quello che ho fatto qui è anche di più.

T.O.M.: “The Obsidian Mirror” è ambientato in Inghilterra, nel complesso dell’abbazia di Wintercombe, un luogo gotico ed oscuro che sembra nascondere innumerevoli segreti. L’abbazia di Wintercombe esiste veramente? Voglio dire, hai preso ispirazione da qualche luogo specifico che conosci?

C.F.: Non proprio. Solo quelle vecchie e cupe abitazioni che ho descritto esistono davvero. Vedi, da piccola andavo a scuola in un vecchio edificio del XVII secolo, ricchissimo di angoli bui e terrificanti, e ho pensato spesso a quel luogo mentre scrivevo ma, per rispondere alla tua domanda, no, per quanto ne so non esiste nessuna abbazia di Wintercombe nel mondo reale.

T.O.M.: “The Obsidian Mirror” è solo il primo capitolo di una tetralogia che hai denominato “Cronoptika”, di cui so che il secondo volume è quasi terminato. Vorresti dirci due parole sul sequel?

C.F.: Il sequel è già uscito in Gran Bretagna; s’intitola THE BOX OF RED BROCADE. Arriverà negli Stati Uniti a marzo 2014 con il titolo cambiato in THE SLANTED WORLDS. Non posso anticiparti molto sulla trama, ma posso dirti che parte del romanzo è ambientato in Italia!! Jake si perderà nel tempo, Sarah incontrerà un uccello parlante e Summer diventerà ancora più pericolosa…

T.O.M.: Mi sono sempre chiesto come fa una saga come questa a prendere forma. Scrivendo “Cronoptika” ti affidi all’ispirazione del momento oppure hai già una chiara idea della storia nel suo complesso?

C.F.: Ho solo un’idea molto vaga dell’intera storia. Le varie scene, i dettagli, arrivano mentre vado avanti a scrivere. Spesso anzi mi trovo a dover cambiare delle cose e ritorno indietro per fare le dovute correzioni. Ma non ho ancora deciso cosa succederà alla fine del quarto libro, o se Venn riporterà indietro sua moglie dalla morte. Forse lo scoprirò solo quando arriverà il momento.

T.O.M.: Ottimo. So di aver abusato anche troppo della tua disponibilità, per cui la nostra chiacchierata termina qui. Grazie infinite per avermi dedicato il tuo prezioso tempo e attendo con impazienza il tuo prossimo libro!

C.F.: Grazie a te per le tue domande. E, mi raccomando, tieni d’occhio il mio sito catherine-fisher.com per le novità sul film e sui miei libri.
Con i miei migliori saluti.
Catherine
Chaterine Fisher's official website: http://www.catherine-fisher.com/

20 commenti:

  1. Ti ho già fatto in privato i complimenti e te li rinnovo.
    Adesso ho un concorrente da tenere d'occhio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per diventare un concorrente, beh, di strada da fare ne ho ancora parecchia, ma fossi in te starei in campana ^_^ Thanks

      Elimina
  2. I libri di questa scrittrice non sono il genere che leggo di preferenza, però già la simpatia e la disponibilità che ha mostrato mi faranno sicuramente ricordare il suo nome, magari mentre passo in libreria. Comolimenti all'intervistata e... all'intervistatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Catherine è stata davvero fantastica! Non avrei potuto essere più fortunato di così. Grazie per i complimenti. :)

      Elimina
  3. Grandissima intervista, caro TOM, un plus per il tuo già interessantissimo blog!! :)
    Non conoscevo le opere in questione, se dici che è in progetto un film magari cominceranno ad essere maggiormente conosciute... molto presto^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cinema può fare davvero miracoli. In questo caso le premesse sono notevoli e non mi stupirei se diventasse un fenomeno si massa. Se mai dovesse capitare rispolvererò quest'intervista spammandola ovunque *_*

      Elimina
  4. Grazie per aver condiviso sul mio blog questa intervista. Sono felice di sapere che la Fazi ha acquistato i diritti del seguito di Incarceron e m'ispira molto anche l'altra serie dell'autrice. Molto interessanti le domande :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo molto spesso il passo tra l'acquisire i diritti e il mettere i libri nelle librerie è inspiegabilmente molto lungo. Grazie per essere passata :)

      Elimina
  5. Bellissima intervista e spero davvero che la Fazi non ci impieghi troppo a pubblicare il seguito di Incarceron..sarebbe un peccato non proseguire la storia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che un peccato direi che sarebbe una clamorosa mancanza di rispetto nei confronti di coloro che spendono i propri soldi (tanti soldi) in saghe piantate a metà. Purtroppo non sarebbe nemmeno la prima volta che capita. Grazie per essere passata ^_^

      Elimina
  6. Ottima intervista! Dai, parliamo già di 3 libri opzionati da Fazi, è possibile che prima o poi sbarchi anche tu! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbarcare io? Dove? Su Marte? Si, è possibile....

      Elimina
  7. Ottimo lavoro come al solito !!! Non conoscevo questa scrittrice. Mi auguro di avere la possibilità di leggere presto una delle sue opere.
    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con "Incarceron" non serve aspettare: basta andare in libreria. Per quanto riguarda gli altri..... chi lo sa..?

      Elimina
  8. Bella intervista TOM, complimenti! :) Non ho letto "Incarceron", benché mi avesse incuriosita abbastanza al momento della sua uscita in libreria. Personalmente, però, questo "The obsidian mirror" mi sembra decisamente più interessante, a livello di trama.
    Sono felice, poi, che l'autrice sia stata così gentile e disponibile; fa sempre piacere scoprire una bella persona dietro a un autore interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fu così per me. Quando uscì "Incarceron" lessi un paio di recensioni e ricordo che furono entrambe pesanti stroncature (ma probabilmente chissà, fu solo un caso), così lasciai perdere.
      Questo "Obsidian" invece non potevo certo ignorarlo. ^=^...e ho fatto bene, ancor di più avendo poi conosciuto Catherine Fisher-
      Grazie per essere passata. Ciao-

      Elimina
  9. complimentissimi per questa intervista!!! bella persona lei, bel libro scritto, insomma perfetto! Bravo davvero, complimenti

    PS per il ns progetto, abbi pazienza, ti scrivo appena posso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Per quel progetto da parte mia non c'è nessuna fretta. Don't worry ^_^

      Elimina
  10. Grandee e bella intervista. Troppo bello tu sia riuscito a contattarla e lei sia stata così gentile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto che la fortuna ha giocato una parte fondamentale in questa faccenda.... Ciao e grazie.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...