domenica 29 luglio 2018

Obsploitation: Rewind

"...per tutto questo, e per molto altro ancora, credo che non abbia praticamente alcun senso continuare. Seppur con le mani tremanti, che mi costringono a dover correggere di continuo i refusi, è giunto il momento di scrivere la parola fine. Obsploitation chiude affinché Obsidian Mirror possa sopravvivere".
Con queste parole, nel dicembre del 2015 calava il sipario su Obsploitation, quel mio piccolo tentativo di operare su un secondo blog che, dopo due anni di crudele agonia, fallì miseramente.
Sono passati quasi mille giorni da allora. Un'eternità. Mille giorni durante i quali, di tanto in tanto, il mio occhio ha però malinconicamente continuato a scivolare su quelle consunte pagine digitali alle quali mi ero tutto sommato affezionato. Avevo fatto bene a chiudere? Avevo fatto male? C'era ancora speranza oppure la lapide che avevo posato stava bene là dov'era? Dubbi in realtà non ce ne sono mai stati: la chiusura di Obsploitation fu necessaria per motivi che non starò qui a ripetere, ma che, anche se non eravate presenti a quel tempo, potete benissimo immaginare.
E se non eravate qui al quel tempo, forse è bene a questo punto fare una piccola digressione e provare a spiegare cos'era Obsploitation, magari usando le stesse parole che usai nel primissimo articolo...
...Obsploitation è innanzitutto un blog tematico: su Obsploitation si parlerà solo di cinema, quel particolare tipo di cinema che non trova spazio su Obsidian Mirror, un cinema sporco di sangue, un cinema intriso di violenza, ma anche un cinema sensuale, che non mancherà vi affascinarvi. Ma perché Obspolitation? 
A questo punto partiva un lungo pippone sulla mia fanciullezza che stavolta vi risparmio. In breve andavo a riferire di quanto apparivano favolosi quegli anni Settanta che io stavo guardando solo con gli occhi di un bambino, di come il mondo stesse cambiando, e bla bla bla... e di come di quegli anni mi fosse rimasto solo qualche vago ricordo in bianco e nero di me aggrappato alle gonne di mia madre.
...ed è proprio da quei ricordi in bianco e nero che nasce Obsploitation, da quei meravigliosi film che oggi non siamo più capaci di fare, da quei film dove anche solo la locandina era un'opera d'arte. Lo scopo di Obsploitation è anche quello di aggiungere un po' di colore a quel bianco e nero. Questo è il punto di partenza. Dopodiché vedremo: la strada da percorrere è ancora tutta da stabilire.
Il percorso di Obsploitation, come sappiamo, è durato due anni. Due anni attraverso i quali abbiamo toccato alcuni capisaldi del "cinema bis". Abbiamo affrontato il cinema horror, il poliziottesco, il western, il giallo, il gotico... abbiamo messo tanta carne al fuoco, tanto sangue e naturalmente una buona dose di sesso, che in certi frangenti non guasta mai.
Ma perché vi sto raccontando tutto questo? Perché quest'estate, per tutto il mese di agosto, Obsidian Mirror si trasformerà in Obsploitation Rewind!

Nella pratica, mi divertirò a riproporre su Obsidian Mirror una piccola selezione di quei vecchi articoli che giacciono tristi tra le pieghe di un blog che fu tale. Detto in un altro modo, invece di mettere in pausa il blog come faccio di solito, continuerò a essere presente, seppur con delle "repliche", nella speranza di fare cosa gradita a coloro che ad agosto in vacanza non ci vanno e che, con poco ottimismo, rimangono alla ricerca un angolo di blogosfera aperto tra le tante serrande abbassate.
Non sarà ovviamente uno spudorato copia e incolla di cose già viste come fanno i canali televisivi nei mesi più caldi: cercherò nel limite del possibile di commentare ciò che scrissi all'epoca, contestualizzando i vari argomenti che andrò a riproporre. Ammetto che non è forse una scelta ottimale quella di annunciare questa piccola iniziativa oggi, a pochi giorni dal suo inizio e in un periodo in cui la maggior parte degli internauti è in tutt'altre faccende affaccendato... Mi immagino lo sgomento di chi dovesse collegarsi per sbaglio a ferragosto e dovesse magari trovare una nuova grafica (cosa che in effetti sto valutando)...
Non sarà invece una sorpresa per tutti coloro che sono qui oggi, puntuali come sempre, a leggere questa introduzione nonostante la calura e l'irrefrenabile tentazione di correre al mare e mollare tutto il resto.
Ma Obsploitation Rewind è solo l'aperitivo, un piccolo assaggio di ciò che avverrà il prossimo autunno quando... Lo dico? Non lo dico? Sì, lo dico....

Obsploitation is about to return!
Un primo abbozzo di idea, se devo essere onesto, era già germogliato due anni fa mentre mettevo la parola fine all'ultimo post del vecchio blog: un'idea che mi fu data da un paio di lettori fissi che, come forse avrete intuito, suggerirono di trasformare Obsploitation una rubrica fissa di Obsidian Mirror. 
Questa sarà infatti la nuova veste di Obsploitation: non la riapertura del vecchio blog (che a questo punto potrei anche decidere di oscurare), ma un nuovo appuntamento a cadenza casuale che troverà il suo spazio proprio qui, sgomitando con le mille altre iniziative che il sottoscritto (mannaggia a me) sta portando avanti con tanto, troppo, ottimismo.
Il nuovo Obsploitation sarà intriso di tantissime novità: non sarà più uno spazio limitato esclusivamente al cinema di genere, come lo era il blog omonimo, bensì si ramificherà lungo diversi percorsi paralleli che avranno sangue, sesso e violenza come filo conduttore (altrimenti che razza di Obsploitation sarebbe?).
Ci occuperemo ancora di cinema, ovviamente, con la rubrica "Obsploitation Classics", dove riprenderemo il discorso interrotto a suo tempo, ma avremo anche "Obsploitation Library" e "Obsploitation Comics", dove proveremo a cercare le stesse forti sensazioni nella letteratura e nel fumetto. Alcuni episodi riceveranno l'etichetta "Obsploitation Cult", sotto la quale finiranno le mie più sentite raccomandazioni...
Ancora non basta? Avremo anche "Obsploitation Sounds", "Obsploitation Visions", "Obsploitation Extreme" e, solo per i più impavidi, "Obsploitation Vomit". Non siate troppo impazienti a cercare risposte alle vostre domande: avremo tutto il tempo di entrare nel dettaglio... adesso è il momento di "Obsploitation Rewind".



14 commenti:

  1. Mi sembra un progetto di rivitalizzazione interessante. Resteremo sintonizzati ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono notoriamente un grande progettista. Il difficile viene dopo....

      Elimina
  2. Grandissima iniziativa, non vedo l’ora di seguirla ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercherò di mettermi al lavoro con materiale inedito già nelle prossime settimane. Intanto c'è "Rewind"...

      Elimina
  3. Posso solo essere contento della reincarnazione nella rubrica. Gli articoli del vecchio Obsploitation me li ricordo ancora abbastanza bene, ma tempo permettendo leggerò volentieri i tuoi commenti inediti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh sì, tu sei uno di quelli che ha seguito e commentato Obsploitation dall'inizio alla fine. Non ci sarà nulla di nuovo per te ad agosto... ma a settembre chi lo sa?

      Elimina
  4. mai e poi mai rinunciare ai propri sogni, anni fa anche io meditai di chiudere il blog, era un periodo nero, ma poi decisi di lasciarlo per tornare più in forma di prima, e ho fatto bene a non chiuderlo, a quest'ora me ne sarei pentita amaramente, comunque, se scrivi articoli sul cinema d'exploitation che interessa anche me, dato che dalle mie parti ho creato una rubrica, per ora in pausa ma tornerà ben presto dedicata proprio a questo cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma anche tu ricordo che avevi cinque o sei blog che poi nel tempo hai abbandonato, no? Il concetto è lo stesso: se vuoi sopravvivere devi fare i conti con le tue effettive possibilità. Obsploitation, nel formato blog, è stato sacrificato per lasciar spazio a Obsidian... ed è stato giusto così.

      Elimina
    2. ah beh si, perché scrivo tutt'ora sempre alla fabbrica, gli altri che ho ogni tanto ci vado e scrivo qualcosa xD

      Elimina
  5. Eccomi a battere le mani all'iniziativa: io sono in ferie ma non andrò in vacanza, quindi sarà un piacere avere compagnia e legger post che non ho letto la prima volta ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu infatti sei sbarcato da queste parti dopo la fine di Obsploitation, no? Beh, allora buone ferie casalinghe... che poi in fondo sono uguali alle mie.

      Elimina
  6. Ispira un casino sta iniziativa, da appassionato di genere non vedo l'ora!

    (Però cambia il titolo, che è obsploitation?!? Non se po sentì... Magari va bene per il rewind di agosto, ma la probabile rubrica qui su Obsidian chiamala con un altro nome*-*)

    Buonaserata a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah no, il nome Obsploitation qui è l'unica cosa fuori discussione. Sto pensando anzi di registrare il marchio...

      Elimina
    2. @ Obsidian :)

      Con tutto il rispetto possibile, non te lo invidia nessuno, credo...
      Comunque sono i contenuti l'importante, daje! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...