domenica 29 maggio 2016

Una montagna di Liebster

Strana forma di vita questo Liebster Award. Qualcuno che sia un po’ più qualificato di me dovrebbe fare uno studio scientifico per capire come sia possibile che il Liebster, dopo essere apparso sotto forma di un banale starnuto su un blog lontano anni luce, nel giro di un paio di settimane riesca a mettere in ginocchio tutta la blogosfera. Il Liebster prosegue violentissimo per circa un mese e poi, pian piano, si esaurisce fino a svanire nel nulla. Quando infine pensi che sia stato debellato, eccolo tornare più virulento che mai.
Ho notato che il ciclo completo (incubazione, infezione, latenza) dura circa dodici mesi, per cui teoricamente basterebbe un’iniezione antinfluenzale, fatta al momento opportuno, per rimanerne immuni. Oppure bisognerebbe avere più di 200 lettori iscritti al blog. Ma anche in quel caso, come del domani, non v’è certezza.
Andando a memoria mi pareva di ricordare che il virus Liebster, sotto una forma leggermente diversa, mi avesse attaccato per la prima volta già agli albori del blog, per poi ripresentarsi massicciamente nel tempo. In realtà, dopo essere andato a controllare, The Obsidian Mirror non è mai rimasto troppo coinvolto. Anzi, direi che l’unica traccia sul blog risale al lontano ottobre del 2012, quando fui colpito da una doppietta. Poi nient’altro, anche se ciò non significa che io li abbia onorati tutti attraverso la scrittura di un intero post di senso compiuto (a volte è più facile e veloce rispondere nei commenti dell’untore di turno). C’è anche stata, per dover di cronaca, una fugace apparizione su Obsploitation nel maggio di due anni fa, ma quella è un’altra storia.
Quest’anno, sorpresa delle sorprese, il Liebster Award è stato assegnato a questo blog ben nove volte! Si rende quindi indispensabile un pensiero particolare per coloro che si sono ricordati di me. Ringrazio quindi pubblicamente, senza alcun rancore, Massimiliano, Ariano, Ivano, Luz, Orlando, MaxElisa, Alessandra e Lucius (in prefetto ordine di nomination). Visto che mi si chiede di rispondere a ben 78 domande (11 ciascuno tranne Elisa che, bontà sua, me ne ha fatta una sola e Lucius che mi ha risparmiato del tutto), salterò tutto il saltabile: non scriverò perciò undici ulteriori cose di me (che altro potrei scrivere?) e non nominerò nessun altro blogger, interrompendo così, spero definitivamente, questa catena. D'altra parte, i blog che meriterebbero una nomina da parte mia sono ben più di undici, e lasciarne fuori alcuni sarebbe stato molto difficile. Bando alle ciance e tiriamoci su le maniche. Pronti per le risposte? Via!

Domande di Massimiliano 
1. Definisciti in una parola. Incoerente.
2. Il libro che ti ha cambiato la visione del mondo. Giorgio Manzini, Una vita operaia
3. Quando hai capito di essere cresciuto/a? Non sono ancora del tutto cresciuto. So’ pischello inside. 4. Cosa ami di te stesso? L’incoerenza.
5. La parola o la frase che non vorresti mai aver pronunciato. Rifletto sempre attentamente prima di esplicitare il mio pensiero. Rimpiango, piuttosto, di aver tante volte taciuto quando invece era il momento di esprimermi.
6. La storia che vorresti raccontare ma che ancora è uno spiritello vagante. Non ce n’è una in particolare. Ho tante idee, ma ne subentrano sempre di nuove e quelle vecchie le dimentico prima di concretizzarle (cfr. risposta alla domanda n’1).
7. Perché scrivi? Pasticciare un blog non è mica scrivere!
8. Sei credente? Non nel senso comune del termine.
9. La parolaccia che ti piace di più pronunciare? Merda. Ma non è che mi piace…
10. Tre ingredienti del romanzo perfetto, solo tre. Tre ingredienti son tanti! Finirei per scrivere tre ovvietà. Ne dico solo una (di ovvietà): la capacità di intrigare al punto da far dimenticare di mangiare, bere, dormire…
11. Quanto ti sei rotto le palle nel rispondere a queste domande assurde? Ma che dici? Mi piace tantissimo rispondere a queste domande. ^_^

Domande di Ariano
12. Cosa c'è alla fine dell'arcobaleno? Non saprei, ma so per certo cosa (chi) mi aspetta sul ponte dell’arcobaleno!
13. Esistono gli alieni? Certo che esistono! Lo sanno tutti! E sono anche uguali a noi! Solo che loro non perdono tempo a chiedersi se esistono i terrestri.
14. Qual è la città più bella in Italia? Quella che non ho ancora visto.
15. Ti piace il tuo nome di battesimo? Assolutamente no… ma era il nome di mio nonno, per cui un po’ ci tengo. E poi, nella sua forma abbreviata, non è così male.
16. Uno scrittore che detesti? Detestare? Addirittura? Uno scrittore si può tutt’al più snobbare, e io modestamente ne snobbo a migliaia.
17. Se si andasse sotto il parlamento coi forconi e si montasse la ghigliottina per decapitare tutti i politici, parteciperesti? Non credo sia quella la soluzione. Le porcate che fanno i politici sono in fondo le stesse che facciamo noi ogni giorno nel nostro piccolo. Inculare o meno il prossimo, diciamocelo chiaramente, è solo una questione di possibilità. Loro ne hanno solo di più…
18. La inventeranno un giorno 'la macchina del tempo'? Che cagata! Certo che no!
19. Prosciutto crudo, cotto o mortadella? Non posso proprio scegliere il salame?
20. La cosa più folle che hai mai fatto? Da ragazzo andai a Modena da solo a vedere i Pink Floyd, persi il treno del rientro, e rimasi fuori tutta la notte senza avvisare a casa.
21. La cosa più assurda alla quale hai mai creduto? Non posso dirlo apertamente perché mi attirerei addosso le ire del Vaticano.
22. Meglio vincere un milione di euro o una rendita vitalizia da duemila euro al mese? Tutti e subito. 

Domande di Ivano 
23. Tra le culture extra-europee tuttora esistenti nel mondo quale vi attrae di più? In generale, tutte quelle asiatiche e in particolare, mi pare ovvio, quella giapponese.
24. A istinto, quale pensate che sia il vostro spirito animale o animale totem? Lo scoiattolo.
25. Qual è la vostra poesia del cuore, se ne avete una? Tutte quelle di Charles Bukowski. Una in particolare? “So you want to be a writer”…
26. E la vostra canzone del cuore? Racing in the street, in ricordo di quando non si aveva un cazzo da fare se non passare le sere in macchina con gli amici, girando a vuoto come la merda nei tubi.
27. Sempre in tema musicale, quale sarà la prossima rockstar a tirare le cuoia nel 2016? Non vorrei menare sfiga a nessuno ma, se è vera la legge dei grandi numeri, presto o tardi uno degli Stones stenderà i piedi.
28. Domanda tris: L'ultimo libro che avete letto? Quello in corso di lettura? Il prossimo che avete in programma di leggere? L’ultimo è stato “Il cabalista” di Amanda Prantera, quello in corso è “Flatlandia” di Edwin Abbott Abbott. Il prossimo non lo so ancora (mica lo decido prima).
29. Domanda tris n. 2: Quale personaggio letterario vorreste avere inventato voi? Quale cinematografico? E quale dei fumetti o cartoni animati? Nell’ordine: Dracula, Norman Bates e Diabolik.
30. Se vi fosse concesso di realizzare un film tratto da un romanzo, quale opera letteraria scegliereste di adattare per il grande schermo?Il re in giallo” di Robert W. Chambers.
31. Qual è il libro che vi è più piaciuto ricevere in regalo nella vostra vita?Viaggio al termine della notte” di Céline. Erano secoli che gli ronzavo attorno, ma costava 50.000 lire e mi rugava spenderle per un dannato libro quando la narrativa all’epoca costava in media 10.000 lire. Fai conto che è come se adesso un romanzo costasse 100 euro. Ho atteso almeno dieci anni un’edizione economica che non è mai arrivata. Un giorno poi Simona me lo ha regalato…
32. Per conoscere nuovi blog e blogger mi affido soprattutto a...? ...al blogroll di Ivano Landi.
33. Chiudo in bellezza, con la domanda intelligente: Vi trovate, per vostro piacere o per penitenza, a volere o dovere indossare i panni della cosplayer. Che personaggio scegliete? Ryuk, lo shinigami del Death Note.

Domande di Luz 
34. Il primissimo libro che hai letto. Credo sia stato “Padre Padrone” di Gavino Ledda. Almeno così avevo risposto qui anni fa a una domanda identica a questa.
35. Qual era il tuo sogno da bambino? Lo hai realizzato almeno in parte? Da bambino sognavo di guidare i treni, ma poi ho capito che avrei potuto aspirare a qualcosa di più. A conti fatti era meglio se guidavo i treni.
36. C'è un insegnante che ha segnato un momento importante della tua vita scolastica o universitaria? La mia maestra delle elementari. Dio, non ricordo nemmeno più come si chiamava…
37. I tuoi familiari condividono con te la tua esperienza di blogger? Simona non solo condivide, ma partecipa entusiasticamente, pur preferendo rimanere nell’ombra. Invece nessuno della mia famiglia “allargata” sa dell'esistenza del mio blog e, visti gli argomenti che tratto, forse è meglio così :)
38. Qual è il "viaggio impossibile" che compi puntualmente nei tuoi pensieri? Un viaggio nella città di Perla, capitale dell’impero del sogno immaginato da Alfred Kubin.
39. Da 1 a 10 quanto ti piace il tuo carattere? Una sinusoide che oscilla tra 1 e 10 (cfr. risposta alla domanda n’1).
40. Quanto conta l'amicizia per te? Ha valore un solo tipo di amicizia, quella che ti danno certe persone che magari non incontri da anni, ma che potrebbero mollare tutto e precipitarsi da te se solo gli telefonassi.
41. Sei un tipo sportivo? O irrimediabilmente pigro? La seconda.
42. L'ultimo modello di pc che hai acquistato? Posso dirti la marca ma giuro che non ho idea del modello. Non saprei nemmeno dove andare a leggerlo. E comunque questo sul quale scrivo è il laptop aziendale che mi porto a casa. Non l’ho comprato.
43. Se tu fossi un libro, saresti… Un vangelo apocrifo.
44. Quanto tempo avrai impiegato a scrivere questo post? :-) Mi sono dato un quarto d’ora come tempo massimo, ma sono già passati 12 minuti e ho ancora 23 domande da evadere.

Domande di Orlando Furioso 
45. "Politicamente corretto": sì o no? Siamo cresciuti benissimo anche senza queste stronzate.
46. La tua ricetta per risolvere la "crisi del fumetto". Irrisolvibile. Abbiamo sbagliato tutto trent’anni fa, quando siamo passati dal Topolino al Commodore 64. Le nuove generazioni sono il parto di quell’errore.
47. Abbiamo (ancora) bisogno di Miti? Certamente. Il problema è capire a quali miti affidarsi. I divi della televisione e dello sport non valgono.
48. Quale divinità vorresti essere? (valgono tutte le mitologie) Ph'nglui mglw'nafh Cthulhu R'lyeh wgah'nagl fhtagn!
49. Come far appassionare gli italiani e le italiane alla lettura? Un blackout nucleare che spenga per sempre questi dannati smartphone.
50. Consigliami il tuo libro preferito. Uno solo? “The Rosy Crucifixion” di Henry Miller (in un certo senso te ne ho detti tre).
51. Convincimi ad ascoltare il tuo disco preferito! Non voglio convincerti. Tutt’al più posso consigliarti un classico: “Concert”, il live dei Cure del 1984.
52. Si può cambiare idea? Solo i morti e gli stupidi non cambiano mai opinione.
53. Si può cambiare idea sulle cose fondamentali? Si può cambiare idea su tutto. Solo la fede calcistica è immodificabile.
54. Nostalgia? Canaglia.
55. Perché solo i blogger commentano sui blog? Perché il web è strutturato in compartimenti stagni. Altro che rete globale. Niente di strano, visto che l’intera nostra società si basa fondamentalmente su questo.

Domande di Max Citi 
56. Quando hai smesso di avere paura del buio? Mai avuto paura del buio.
57. In una serata di solitudine che cosa fai? Mi attacco al blog.
58. Preferisci gli scacchi o la dama? (Attento, questa domanda rivelerà la tua weltanschauung) Scacchi. E al diavolo la weltanschauung, qualunque cosa sia.
59. Hai ancora i tuoi giocattoli di quand'eri piccolo o li hai gettati via? A un certo punto i miei giocattoli sono spariti nel nulla. Sono ancora qui che mi chiedo come sia successo.
60. Hai mai provato a svuotare una penna bic e soffiarci dentro tenendola dritta sotto il labbro inferiore? Sai fare più di una nota? Ah sì, lo facevo spesso, ma non mi è mai uscita nessuna nota. Ho sempre rimediato alla frustrazione che ne derivava infilando nella cannuccia una pallina di carta ben compattata di saliva.
61. Quando sei al telefono scarabocchi? Disegni? Prendi appunti? Mimi ciò che non puoi/vuoi dire? Vedi immagine in fondo al post.
62. Finisci tutti i libri che inizi? Non ho firmato nessun contratto, di conseguenza se il libro mi ammorba lo pianto lì.
63. Hai l'abitudine di fare solitari a carte? Noooo! Che noia!
64. Ti è capitato di perderti nella tua città? Ho un senso dell’orientamento sviluppatissimo. Non mi perderei nemmeno in mezzo al bosco. Che ci vuoi fare, è una deformazione professionale.
65. Ti è capitato di prendere una posizione estrema – in politica, nella vita di ogni giorno, sul lavoro – e di aver mentito spudoratamente per difenderla? No, preferisco agire sotto copertura.
66. L'ultima bugia l'hai raccontata esattamente... Pochi minuti fa, rispondendo alla domanda n’ 11. 

Domanda di Elisa
67. Qual è il film più strano che hai visto? Ce ne sarà pure uno che è sembrato strano persino a te... Ho visto un sacco di roba "strana", come puoi di certo immaginare, ma in questo momento me ne viene in mente uno solo in particolare. Te lo dico solo se mi prometti di non correre a cercarlo (e comunque tanto non lo trovi). Si intitola “Mondo Weirdo – A Trip to Paranoia Paradise” (Carl Andersen, Austria, 1990), una pellicola surrealista farcita di sangue, violenza e pornografia, che si rifà qua e là ad Alice in Wonderland e al mito della Bathory. Non so se "strano" sia l'aggettivo giusto. Sicuramente è inguardabile. Anzi, diciamo pure che fa vomitare.

Domande di Alessandra
68. Qual è il film che reputi 'monnezza totale'? Credo di averlo detto già più volte, l'ultima volta solo pochi giorni fa qui: trattasi di "Paganini" di e con Klaus Kinski.
69. Kindle o libro in versione cartacea? Non mi faccio mancare nessuno dei due: dipende da quello che cerco e in che formato lo trovo. Ammetto che lo spazio nella mia libreria (esaurito ormai da tempo) dovrebbe convincermi a comprare solo libri in formato elettronico... ma non è facile rinunciare ad accumulare carta, specialmente se le bancarelle dell'usato ti attirano come calamite...
70. Preferisci andare al cinema da solo, o in compagnia? In compagnia della mia Lei, mi pare ovvio.
71. Il film che avresti voluto dirigere se fossi un regista. Probabilmente avrei rubato "Shining" a Stanley Kubrick
72. Il film che avresti voluto interpretare se fossi un attore/attrice. In parte mi sono già espresso qualche giorno fa qui. Diciamo "Apocalypse Now" di Coppola...
73. Se fossi il ministro della cultura per un giorno, che cosa faresti? Che cosa potrei mai fare in un giorno solo?
74. Metteresti Baby in un angolo? Ecco.. mi è appena venuto in mente un altro titolo che avrei potuto citare nel mio elenco dei film spazzatura...
75. Il libro che non smetteresti mai di leggere. La canzone che ascolti all'infinito. Il film che guardi ogni volta che viene trasmesso in TV. Libri? Non li rileggo. Film in TV? Non li guardo. Per quanto riguarda la musica invece vado a periodi: sono uno che quando si incaglia con una canzone riesce ad ascoltarla per un mese di seguito (per poi abbandonarla per sempre a favore di un'altra). Tra gli ultimi brani in cui mi sono incagliato citerei "She's my sin" dei Nightwish, "The Racing Heart" dei Katatonia, "Epitaph" degli Antimatter, "Machine" dei Theatre of Tragedy... 
76. Gli americani voteranno Trump o Clinton? La Clinton è una minestra riscaldata. Alla fine voteranno tutti Donald Trump...
77. Gli italiani invece ce la faranno a eleggere legittimamente  un presidente del consiglio prima o poi? Definisci "legittimamente"....
78. La vacanza dei tuoi sogni. La prossima...

61. Quando sei al telefono scarabocchi? Disegni? Prendi appunti? Mimi ciò che non puoi/vuoi dire? 

36 commenti:

  1. E bravo Obsidian!
    Io però quando sono al telefono o anche solo se ho carta e penna a portata di mano faccio sempre linee ratte diagonali che si incrociano.. migliaia di linee... boh!
    Sul ponte dell'arcobaleno ci incontremo e tu mi farai conoscere i tuoi amici che si sono allontanati ed io i miei.
    Basteranno 7 quintali di crocchette per tutti?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e pensare che esistono designer di fama mondiale, come Jonathan Adler, che sono diventati miliardari vendendo gli scarabocchi che facevano mentre parlavano al telefono...
      Sette quintali? Pochissimi!!! Non dimenticare che stiamo parlando di tutta l'eternità :)

      Elimina
  2. Ma no, mi hai fatto passare per la persona buona...! Va bene, ogni tanto lo sono. Comunque mi hai convinto, non andrò a cercare quel film.

    Il mistero del Liebster non è ancora stato risolto, ma io so che risorge dalle sue ceneri più di una volta l'anno: io ne ho presi quattro (intendo quanttro "tornate" diverse e il blog non ha ancora tre anni, quindi è più pericoloso di quello che pensavamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo allora che per otto-dieci mesi dovremmo comunque essere tranquilli e sereni. Nel dubbio, mai abbassare la guardia.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Hahahaha, ma questo lo decidiamo noi che ti apprezziamo. Mò ti becchi tutti gli starnuti del caso e asciugati la canappia con fazzolettini di affetto e stima.

      Elimina
  4. Una vagonata di Liebster...comunque credo di essere stato io uno dei precursori di questo nuovo virus in giro per i blog XD
    A parte gli scherzi, congratulazioni anche a te, tante nuove info interessanti su di te, forse troppe ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeh a sto giro è partito Roberto Bonfanti i primissimi di maggio.

      Elimina
    2. Non so chi sia stato ad iniziare, ma essendo "Liebster" una parola tedesca, ciò limita geograficamente di molto la lista dei sospetti.
      Sì, lo so, sono davvero troppe le informazioni personali che ho inserito qui in un colpo solo. Ma non è colpa mia ^_^

      Elimina
  5. Hai un blog interessante, ma soprattutto ben scritto, per quanto mi riguarda,senza la minima sbavatura.
    Quando riceverò un Liebster Award, potrò nominarti o mi manderai a quel paese, visto che non faccio propriamente parte della vostra cerchia esperta di'racconti fantastici e dell'orrore? :)
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrei mai mandarti a quel paese... ^_^ ...e poi non ci sono mica delle "cerchie"... questa è come la piazza di un paese, tutti possono passare e sedersi a bere un caffè.

      Elimina
  6. Ottimo, ottimo, molto ottimo. Mi sa però che di bugie ce ne era una ancora più recente della risposta 11: la numero 32 ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella chiamiamola piuttosto una "mezza verità"... :-P

      Elimina
  7. Grazie per le risposte. Solo una piccola nota: bisogna tappare il fondo della la bic con dito perché suoni. E inclinarla perché produca una doppia nota. Ciò detto, direi che hai una weltanschauung assolutamente coerente *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dito sotto lo sospettavo... che fosse necessario inclinarla mi giunge invece completamente nuova.
      Lieto di aver azzeccato quella cosa del(la) weltanschauung... ammetto che ero un tantino preoccupato. :)

      Elimina
  8. E abbiamo scoperto un altro bel po' di altarini.
    Va a finire che se ci incontriamo di persona non abbiamo più niente da dirci, ognuno sa già tutto degli altri bloggers :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sempre la macchina del tempo, per potersi incontrare prima dell'uscita di questo post.
      Ah già.. la macchina del tempo non esiste. :DDDD

      Elimina
  9. Ti meriti tutti i complimenti, considerate quante cose ci fai conoscere. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche troppe cose. Da oggi torno ad essere l'uomo del mistero...

      Elimina
  10. Sette segnalazioni è un numero enorme, se penso che solo qualche anno fa ti lamentavi di non essere per niente conosciuto in rete. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero mi lamentavo? A me pareva di no...

      Elimina
  11. Complimenti e tutto meritato, per qualità, passione che metti nel redarre i post e condurre il blog, per quello che di te emerge sempre.
    Tutta la carrellata di risposte delinea che persona sei e la tua sensibilità.
    Passando alle facezie: ma io voglio vederti come Ryuk :O (io ho scelto Capitan Harlock, eh :D)
    E di Concert e Charlotte sometimes abbiamo già detto altrove *_*

    Approfitto per mandare un caro saluto a Simona ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora bisogna che organizziamo un megaraduno di blogger cosplay...

      Elimina
    2. Grazieeeeee. Ricambio ^_^

      Elimina
  12. Complimenti per le sette nomination e ancora devi ricevere l'ottava, la mia: mi spiace rovinarti un numero perfetto ed esoterico :-P
    Quest'anno ne ho ricevuti un paio anch'io e dovrei rispondere con un post, ma le regole del premio impongono di parlare di me ed è l'argomento che meno mi interessa al mondo. (E sì che mi interesso di un ventaglio abbastanza ampio di argomenti.) Non so quando e se lo farò ma di sicuro sei in lizza di nomination ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e io che pensavo ormai di averla fatta franca. Nel caso aggiornerò questo post. Mi raccomando: domande facili facili.

      Elimina
  13. Oh cacchio, e io non avevo ancora commentato?!? Comincio a maldistinguere ciò che faccio e ciò che penso di aver fatto! :D
    Mi associo alle persone, tante, che amano il tuo blog :)
    E' un blog speciale, per me - che non sono proprio tra i tuoi più vecchi frequentatori (anzi...) - è oramai un appuntamento irrinunciabile e non c'è post che non mi lasci più ricco di prima. E di questo, senza retorica né "sviolinate", ti ringrazio di cuore.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era mai tardi per commentare.. e poi oggi è solo il giorno dopo, mica un mese dopo... :)

      Elimina
  14. La cosa più bella di questo premio è leggere le risposte di tutti i blogger! Quante risate mi sono fatta...
    Ma dimmi hai mai pensato di fare il disegnatore? Vedo del talento in quello scarabocchio :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un talento che riesco a esprimere solo quando sono mi innervosisco al telefono. No, grazie, preferisco telefonate tranquille e zero talento.

      Elimina
  15. Miseria, mi sono sparato 67 risposte.
    A questo punto credo che l'unica cosa da fare sia prendere il tipo che ha ideato il Liebster, legarlo e costringerlo forzatamente alla visione di un best di 12-13 ore di Barbara d'Urso. A quel punto penso la smetterà.
    Ma poi... che concerto dei Pink Floyd era?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era il tour di "Momentary lapse of reason".... Roger Waters se ne era già andato da un pezzo....

      Elimina
  16. Grazie per aver risposto, e Dio ci scampi Donald Trump!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Donald Trump non sarà peggio di tanti altri. In fondo negli Stati Uniti i presidenti hanno avuto sempre un peso relativo. Quelli che contano davvero sono i petrolieri e i produttori di armi...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...